Agorafobia

Quando la persona ha sperimentato per la prima volta un episodio di attacco di panico (vedi articolo), molto spesso durante le fasi iniziali di questa esperienza estremamente dolorosa, la persona inizia ad evitare tutte quelle situazioni in cui pensa che si possa ripresentare l’attacco di panico (evitamento agorafobico). Con il passare del tempo le situazioni da evitare aumentano progressivamente (generalizzazione a tutti gli ambienti personali, lavorativi, sociali) e la persona esce sempre più raramente da casa. In questo modo viene condizionata significativamente la qualità di vita dell’individuo. Spesso la persona agorafobica evita quei luoghi dove è difficile fuggire (in un cinema molto probabilmente si siede nei posti laterali vicino alle uscite). La vergogna di sembrare agli occhi degli altri una persona disturbata oppure farsi vedere agitata, lo terrorizza profondamente. Le persone che soffrono di questo disturbo evitano attività fisica, bere caffè, fare l’amore ecc, per evitare che queste attività possono suscitare l’emergere dei sintomi fisici legati all’attacco di panico.


Designed & Developed by Digiting srls